Efeizhit parade n° 2 – volare by Efeizee on Mixcloud

Partiamo? Si dai. Che alla fine è sempre un buon momento per andare [GAGLE – 聞える (Good to Go)] ed è anche sempre così bello [Betty Ford boys – So Fine]. Voliamo? Si dai. Che poi alla fine per andare via lontano non c’è mica bisogno di imparare a volare [Miles Bonny – Learning to Fly], che i piloti lo fanno di mestiere e ci studiano un sacco e ci fanno un sacco di pratica, che poi gli aerei è praticamente impossibile che cadano sai, che a quella velocità l’aria diventa dura come il marmo e sorregge tutto e tutte le altre cose di fisica che mi imparo prima di prendere l’aereo per farti passare la paura nella fila d’attesa [Ken Ross – The Waiting Line (feat. A-Live)] prima di imbarcarsi. “Odio volare[Dargen D’Amico – Odio Volare (feat. Daniele Vit)], mi dici, e allora una volta per esempio ci ho messo nell’ipod Cochi e Renato per farti ridere ed un’altra invece Ponyo nel telefono, così stavi attenta a contare tutti i pesci di Miyazaki. Che anche se a volte non sembra, io ti guardo sempre, come un satellite [Colapesce – Satellite] fa con la terra e sei sempre così carina, anche quando voli [Full Crate & Mar – She Was Fly]. Così carina [213 – So Fly] che vorrei volare in tutto il mondo ed imparare le cose di tutti i posti, come per esempio dire “ti amo” in giapponese [PSG – 愛してます]. Che poi [James Tillman – And Then…] tanto alla fine si ritorna sempre a casa, come un boomerang [Pigeon John – Boomerang feat. 20Syl] (NB: se lo sai usare. Io per esempio ci ho passato tutto sabato pomeriggio a provarci, ma alla fine siamo arrivati alla conclusione che il boomerang era difettato).
E la prossima volta? Se prendessimo una barca così scopriamo cos’è un paramezzale [Bibio – K is For Kelson]? Io ho già la valigia pronta, pronti via.

Carry on and have a smile,

ef

CONDIVIDI
Articolo precedenteInterstellar
Articolo successivoL’Estaca, la Catalogna che ha votato l’indipendenza
Andrea Nale ne dice: mc, vocalist, beatmaker, dreamer. Ama i dinosauri, i lego, i dinosauri di Lego e il digging musicale nei mercatini virtuali più remoti del web dove trova artisti e suoni che nessuno penserebbe possibili ancora. Spammatore seriale di “frugali adorabilità” e portatore sano di pettinature composte. Quando si arrabbia muove le mani sbuffando e dice “Oh ma che maroni però!”. Cosa mi piace di lui? Che pur conoscendo molto bene più remoti e selvaggi fondamenti dell’hip-hop e della musica elettronica rimane pettinato e composto in una camicia azzurra. Scrive "Efeizhit parade".