Febbraio è il mese dei sentimenti [Bibio – Feeling], tra il compleanno di J Dilla, Sanremo, le frittelle di carnevale e San Valentino, è tutto un su e giù di emozioni, un po’ come l’andamento delle quotazioni in borsa della Silicon Valley [Anderson Paak – Silicon Valley].
Il fatto è che, bando alle ciance, ho deciso che ci sei tu a comandare il mio mondo [Natty Dub – Rule my world], e allora mostrami tutto l’amore che hai [Dargen D’Amico feat. Two Fingerz – Show me love], che facciamo che sto con te per sempre [Terrace Martin – For ever with you], che si sta così bene anche per esempio a stare seduti su una panchina con intorno l’erba alta a dividere un succo di frutta portato da casa.
Poi invece c’è chi del lato romantico di San Valentino non gliene frega mica tanto, ma gli importa maggiormente fare mille peripezie [Enzo Carella – Sex show] con il sesso opposto [Fratelli Quintale – Pussy]. Ma tanto poi lo sappiamo tutti che dopo un po’ ci stanchiamo delle frivolezze, delle battaglie e dei viaggi in solitaria, e si ritorna sempre ad amare [Bilal – Back2Love], che ci piace tanto e ci fa stare così bene, morbidi e rilassati [Pete Philly & Perquisite – Mellow feat. Senna].

Carry on and have a smile,
ef

 

P.S.: ti piacerebbe avere una corrispondenza con un funambolo? Lungoibordi ti scrive una lettera ogni mese con una selezione di storie, video, siti che avresti sempre voluto vedere. Iscriviti su: http://tinyletter.com/Altribordi

Licenza Creative Commons
lungoibordi.it dilungoibordi.it è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.lungoibordi.it.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso http://www.lungoibordi.it.
CONDIVIDI
Articolo precedenteUna certa idea di oriente
Articolo successivoIl carillon
Andrea Nale ne dice: mc, vocalist, beatmaker, dreamer. Ama i dinosauri, i lego, i dinosauri di Lego e il digging musicale nei mercatini virtuali più remoti del web dove trova artisti e suoni che nessuno penserebbe possibili ancora. Spammatore seriale di “frugali adorabilità” e portatore sano di pettinature composte. Quando si arrabbia muove le mani sbuffando e dice “Oh ma che maroni però!”. Cosa mi piace di lui? Che pur conoscendo molto bene più remoti e selvaggi fondamenti dell’hip-hop e della musica elettronica rimane pettinato e composto in una camicia azzurra. Scrive "Efeizhit parade".