domenica, 16 giugno, 2019
It's a piece of cake

It's a piece of cake

Succede un giorno, che arriva in classe questo reduce della grande guerra, per farci una sorta di lezione di storia interattiva. Io avevo all'incirca 11 anni. Che ci si creda o no, di tutto quello che ha raccontato, io ricordo solo di un brodo di pollo che ha salvato la vita a un suo compagno e dei nemici che, in una lingua straniera, chiedevano disperatamente "kruh", pane, perchè in guerra, si sa, si muore anche di fame. Il cibo per me, ha un valore antropologico purissimo. Due cose mi piacciono profondamente del mondo e sono l'una l'espressione dell'altra: la condizione umana, qualsiasi essa sia, e la cultura culinaria. La cucina è una questione semplice, istintiva, facile da morire, un gioco da ragazzi. It's a piece of cake. Si può vedere il mondo spiando in un bucatino? Io dico di si.

#Smoothiefever

L'estate è ormai giunta e io non la sento. Culinariamente parlando, mi sto perdendo le mie stagioni preferite. So di aver già quasi perso...

La ricetta dei giorni tristi

Ho pensato molto, recentemente. Ho avuto un periodo intenso di fatti ed emozioni e ho pensato che il cibo non avesse più spazio. Che...
questa terra che ci da fiori e frutti

Questa terra che ci dà fiori e frutti

Guardate questa foto. Oltrepassate l'attimo immobile colto dall'occhio del fotografo e planate sugli uliveti dietro al soggetto in primo piano. Ora fermatevi lì e...

L’ospite perfetto per le cene di Natale

Ci sono un paio di cose che sicuramente avrete intuito mi piacciono molto oltre al cibo. Una sicuramente sono le persone. Amo dire delle...

Le nozze d’oro di Vinitaly

Io volevo raccontare una storia d'amore. L'ho sempre voluto fare e finalmente mi è capitata tra capo e collo. Verona e il vino, si amano...

Avocado mon amour

È scoppiata la avocado mania. Qualcuno, dico qualcuno, se ne era accorto? No perché io vedo avocado ovunque. Che adesso non puoi più dire...

L’altro nome del curry e altre cose da sapere sulle spezie

Fa già freddo, freddissimo. Cominciano le tisane e i chai, i vin brulè e si avvicina anche il Natale. Ci siamo ragazzi, ci siamo....

Il digiuno e Marco Pannella

Immaginate una ragazza alla finestra, avvolta in una coperta, che guarda fuori con una tazza fumante in mano, o ancora, un uomo sdraiato su...

Cibo, la street art degli affamati

C'è un incrocio desolato della bassa veronese che mi porta a casa. È un incrocio come tanti che si affaccia sul niente, campi, case...
come fare pizza

Perché la pizza è più buona a Napoli?

Il mio amico Alberto non mi scrive mai. Ma proprio mai. Eppure, mentre me ne stavo finalmente spalmata sul lettino, durante il mio pressocchè unico giorno...